Progetti Musicali

“Há uma música do Povo”

Nel cuore delle tradizioni musicali popolari

Il recital per pianoforte e voce “Há Uma Música Do Povo” s’ispira alla poesia omonima del poeta portoghese Fernardo Pessoa. Nasce da diverse esperienze di viaggio, ascolto e incontri, da me maturate in questi ultimi anni. Il risultato è un percorso musicale che si sviluppa in cinque quadretti – ciascuno composto da un medley di brani di tradizione classica, jazz e popolare personalmente rielaborati –  dedicati a  cinque aree geografiche a  cui  sono affettivamente legata. Un grande direttore d’orchestra italiano, Claudio Abbado, in un’intervista aveva affermato “sarò sempre contrario  ai confini, ai limiti, alle barriere; più si conosce delle varie culture e più si capisce”. E così lo scopo di questo recital, è quello di valorizzare i ritmi, le armonie e le melodie di altri popoli la cui musica è meno nota, ma soprattutto di far conoscere al pubblico le loro storie: storie d’amore e di sofferenza, di lotta e di libertà, di giustizia e ingiustizia, storie di gente comune nelle quali il vissuto di ciascuno trova un punto d’incontro.

“C’è una musica del popolo
Non saprei dire se è un destino
Che ascoltandola aggiunge un ritmo nuovo al mio essere …
Ascoltandola io sono chi vorrei essere se il solo desiderare  fosse essere…
È una  semplice melodia
Di quelle che ti insegnano a vivere… Ma è così consolatrice
La vaga e triste canzone…
Che la mia anima non piange più
E neppure il mio cuore…
Io sono una emozione straniera, un errore di sogno sfumato…
E in qualche modo canto
E mi resta al fondo un sentimento!”

                              
Fernando Pessoa

PROGRAMMA:

Preludio
Canzone popolare – Francia 1500 CA. Atahualpa Yupanqui, Luna Tucumana

1.Grecia
Pedro Iturralde, Suite Ellenica
Popolare Greca, Agapimu Fidela Protini

2.Zingaria
Fabrizio De Andrè, Khorakhanè Béla Bartók, Román népi táncok Goran Bregovic, Ederlezi

3.Andalusia
F.G. Lorca, Las Morillas De Jaen
Enrico Pieranunzi, Les amants
Isaac Albeniz, da Iberia, Evocation – El Albaicin

4.America Latina
Darius Milhaud, Saudades do Brasil n° 7 e 9
V. Parra, La carta
Victor Jara, Te recuerdo Amanda

5.Irlanda
Red is the rose (Irish song)
Percy Grainger, Irish tune from County Derry
Keith Jarrett, My wild Irish Rose

“Umbre de muri”

Umbre de muri è un tema che si snoda nelle periferie umane e prende forma attraverso le canzoni di Fabrizio De André. Le ombre di facce sono quelle degli ultimi, in primis bambini, vittime di ingiustizie. Le ombre di facce cantate da Fabrizio sono le stesse che passano sotto i nostri occhi senza che ce ne accorgiamo. Sono quelle che intravediamo su una pagina di giornale o di sfuggita alla televisione. Esse ritrovano così dignità nelle canzoni di un poeta di poche parole…ma quelle giuste, che fanno bene al cuore.

Giulia Molteni – Pianoforte e Voce
Ranieri Fumagalli – Flauti e ocarine
Francesco D’Auria – Percussioni

Programma
Crêuza de mä
Via del campo
Città vecchia
Bocca di rosa
Hotel Supramonte
 pittima
 duménega. 
Canto del servo pastore
Geordie
Khorakhanè
Fiume Sand Creek
Sidún.
Le acciughe fanno il pallone
Dolcenera
D’ä mê riva

  1. Crêuza de mä - live 5:50
  2. Khorakhanè 5:35